dizione e fonetica - lettura espressiva - workshop

Educare la voce è determinante per chi deve parlare in pubblico ed è di grande aiuto per tutti coloro che basano la propria attività lavorativa sulla “comunicazione”, intesa nel suo più ampio significato. Parlare correttamente, cioè senza cadenze dialettali e rispettando le regole di dizione e fonetica della lingua italiana, può essere utile e piacevole anche a livello personale, per cimentarsi in letture in pubblico o ampliare il proprio bagaglio di conoscenza. Insieme esploreremo in maniera divertente e interattiva la dizione, la fonetica e i “trucchi” del mestiere per imparare a parlare, leggere o raccontare qualcosa in modo intrigante e piacevole per chi ascolta, tenendo sempre alta l’attenzione di chi abbiamo davanti. I miei corsi sono rivolti sia a chi ha a che fare per motivi lavorativi con il pubblico e si trova a dover parlare di fronte a platee più o meno ampie, sia a chi ha semplicemente voglia di mettersi in gioco esplorando le basi del mondo della lettura espressiva e della recitazione. 
Il tutto risulterà molto utile anche nell’esplorazione delle proprie insicurezze durante le interazioni interpersonali, fornendo strumenti per sentirsi più sicuri quando si ha a che fare con un “pubblico” che ascolta, durante un colloquio, o nelle più svariate situazioni. Un modo divertente e stimolante per mettersi in gioco e un’occasione per imparare qualcosa di nuovo. Disponibile per corsi singoli e collettivi, anche a domicilio.
 

corso di musical presso la live music school di san pietro in casale

Il nostro nuovo corso di MUSICAL nasce per coinvolgere tutti coloro che hanno voglia di mettersi in gioco nelle discipline proprie di questo genere artistico: canto, recitazione e danza. Un team di tre insegnanti qualificate (una per ogni disciplina) fornirà al gruppo di allievi gli strumenti per la realizzazione e la messa in scena dello spettacolo finale, dove la recitazione, la danza e il canto arriveranno a intrecciarsi in modo fluido e naturale. Attraverso esercizi utili e divertenti, nella prima parte del percorso si costruiranno le basi di ogni disciplina per riuscire ad esprimersi al meglio sul palcoscenico. Successivamente si inizierà a lavorare sulla preparazione dello spettacolo, dove uniremo brani noti di musical esistenti a coreografie e trama originali, creati per l’occasione. Vi aspettiamo!

305235461_5614515535258704_6390287109653344482_n.jpg

"SE FOSSI IN Te"
Il gioco teatrale come strumento per sviluppare l’empatia

All’inizio del 2022 la Compagnia Teatrale STREBEN, della quale sono membro e fondatrice assieme a Filippo Marchi, è entrata in contatto con le associazioni “I Balconi Azzurri Aps” e “Comitato Autismo 365”.
Insieme abbiamo iniziato a ragionare circa l’idea di realizzare un laboratorio teatrale che fosse rivolto a
bambini autistici.
Tanti erano gli interrogativi, uniti all’interesse verso un nuovo possibile percorso totalmente diverso rispetto
alle nostre attività precedenti.
Supportati sin da subito da educatrici, analiste del comportamento ed esperti del settore, nonché dalle due
associazioni, la nostra idea ha preso forma sempre di più.
L’argomento era – ed è – molto delicato. Il mondo del teatro doveva integrarsi con un mondo (quello
dell’autismo) su cui ancora esistono interrogativi e con molteplici incognite in termini di risultato finale.
Con l’intervento logistico del Quartiere Borgo Panigale-Reno, il quale avrebbe fornito gli spazi per gli
incontri – nonché il Patrocinio- è sorta l’idea di unire ai bambini autistici altri bambini provenienti dalle
famiglie del Quartiere stesso, rendendo l’inclusione un altro importante tema del progetto; tutto ciò, con non
poche difficoltà di integrazione, soprattutto all’inizio.
Sabato 9 aprile 2022, nella Sala consiliare Rosario Angelo Livatino, il laboratorio “Se fossi in te” ha avuto il
via.
I bambini del Quartiere, aiutati da alcuni confronti fatti durante il percorso, avevano compreso la particolarità
dei loro compagni, e nonostante il desiderio di approfondire di più la materia teatrale hanno scelto di
accompagnare ed essere accompagnati, comprendendo l’altro e camminandovi al fianco.
E così, sabato 18 giugno il laboratorio si è concluso davanti agli occhi estasiati dei genitori, felici di vedere i
loro figli nel bel mezzo di una vera esibizione, un’emozione sicuramente nuova.
Alcune difficoltà di concentrazione – forse dettate da questa nuova esperienza – si sono presentate durante lo
svolgimento. Tuttavia, lavorare proprio sul mantenimento della concentrazione e del silenzio “dietro le
quinte” potrebbe rappresentare già un nuovo obiettivo per un prossimo capitolo di questa avventura, per la
quale ringraziamo ancora Giuseppe Calvello, presidente de I Balconi Azzurri Aps, Simone Aletti e Francesca
Delmonte di Comitato Autismo 365, le educatrici e le professioniste che si sono messe in gioco con
professionalità e amore verso il loro lavoro e verso i piccoli partecipanti, nonché il Quartiere e le famiglie
stesse per l’interesse e l’impegno dimostrati.
Alla fine del percorso ci siamo resi conto, con un pizzico di orgoglio, di aver lasciato qualcosa di importante
a bambini e famiglie; ma soprattutto, da questa esperienza nuova e stimolante abbiamo ricevuto moltissimo,
e non vediamo l’ora di ripeterla e andare avanti.